Benvenuti

Questo blog è uno spazio per aiutarsi a riprendere a pensare da cattolici, cosa che la società moderna sta completamente trascurando se non perseguitando.
Ogni suggerimento e/o contributo in questa direzione è ben gradito.
Affido allo Spirito Santo di Dio, a Maria Santissima, al Sacro Cuore di Gesù e a San Michele Arcangelo questo lavoro di testimonianza e apostolato.
Un caro saluto a tutti e un sentito ringraziamento a chi vorrà contribuire in qualunque modo a questa piccola opera.
Ci alzeremo in piedi ogni volta che la vita umana viene minacciata...Ci alzeremo ogni volta che la sacralità della vita viene attaccata prima della nascita. Ci alzeremo e proclameremo che nessuno ha l'autorità di distruggere la vita non nata...Ci alzeremo quando un bambino viene visto come un peso o solo come un mezzo per soddisfare un'emozione e grideremo che ogni bambino è un dono unico e irripetibile di Dio... Ci alzeremo quando l'istituzione del matrimonio viene abbandonata all'egoismo umano... e affermeremo l'indissolubilità del vincolo coniugale... Ci alzeremo quando il valore della famiglia è minacciato dalle pressioni sociali ed economiche...e riaffermeremo che la famiglia è necessaria non solo per il bene dell'individuo ma anche per quello della società... Ci alzeremo quando la libertà viene usata per dominare i deboli, per dissipare le risorse naturali e l'energia e per negare i bisogni fondamentali alle persone e reclameremo giustizia... Ci alzeremo quando i deboli, gli anziani e i morenti vengono abbandonati in solitudine e proclameremo che essi sono degni di amore, di cura e di rispetto. Giovanni Paolo II

sabato 5 novembre 2016

2-Dio e mammona

Nel Vangelo è citata una frase di Gesù in cui si dice che non si può scegliere Dio e mammona, cioè il denaro, il profitto truffaldino, l'ingiusta ricchezza. Ed in effetti sono due cose assolutamente inconciliabili. La realtà di oggi è caratterizzata fortemente da pochi potenti ricchi (che di fatto governano il mondo attraverso le loro marionette che si fanno chiamare politici) non hanno alcun riferimento a Dio ma solo e soltanto al denaro. 
E' il desiderio spropositato e irrefrenabile di averne sempre di più di decidere delle sorti di popoli e nazioni che il guida. Non un bene superiore, non un aiuto al crescere e prosperare umano, economico e sociale delle persone, ma solo al proprio tornaconto personale. 
Sarebbe interessante, ma non è questa la sede, ragionare anche sui danni che questa insensibile fame ha causato e sta causando alle persone e all'ambiante, ma ne parlerò in un'altra occasione.
Qui si parla di coloro che dedicano la loro vita solo ad accumulare oro e ricchezze, dimenticando che anche per loro arriverà la fine e che non si porteranno con sé i beni (malamente) accumulati ma solo il bene che hanno seminato.
La parabola del ricco epulone e del povero Lazzaro è molto eloquente al proposito.
Dobbiamo pregare per la conversione dei peccatori, sono in tempo a cambiare finchè ancora sono al mondo, e al contempo affermare sempre che il denaro è sempre strumento e mai fine e che la ricchezza non appaga il desiderio di felicità dell'uomo ma sempre ne accresce l'insensata sete. 
**
  

Nessun commento:

Posta un commento

Che lo Spirito Santo illumini la tua mente e che Dio ti ricolmi di ogni grazia, spirituale e materiale, e la speciale benedizione materna di Maria scenda su di te..

Lista blog cattolici

LOGO DEL BLOG

LOGO DEL BLOG
inserisci il logo del blog sul tuo blog (anche ridimensionandolo)