Benvenuti

Questo blog è uno spazio per aiutarsi a riprendere a pensare da cattolici, cosa che la società moderna sta completamente trascurando se non perseguitando.
Ogni suggerimento e/o contributo in questa direzione è ben gradito.
Affido allo Spirito Santo di Dio, a Maria Santissima, al Sacro Cuore di Gesù e a San Michele Arcangelo questo lavoro di testimonianza e apostolato.
Un caro saluto a tutti e un sentito ringraziamento a chi vorrà contribuire in qualunque modo a questa piccola opera.
Ci alzeremo in piedi ogni volta che la vita umana viene minacciata...Ci alzeremo ogni volta che la sacralità della vita viene attaccata prima della nascita. Ci alzeremo e proclameremo che nessuno ha l'autorità di distruggere la vita non nata...Ci alzeremo quando un bambino viene visto come un peso o solo come un mezzo per soddisfare un'emozione e grideremo che ogni bambino è un dono unico e irripetibile di Dio... Ci alzeremo quando l'istituzione del matrimonio viene abbandonata all'egoismo umano... e affermeremo l'indissolubilità del vincolo coniugale... Ci alzeremo quando il valore della famiglia è minacciato dalle pressioni sociali ed economiche...e riaffermeremo che la famiglia è necessaria non solo per il bene dell'individuo ma anche per quello della società... Ci alzeremo quando la libertà viene usata per dominare i deboli, per dissipare le risorse naturali e l'energia e per negare i bisogni fondamentali alle persone e reclameremo giustizia... Ci alzeremo quando i deboli, gli anziani e i morenti vengono abbandonati in solitudine e proclameremo che essi sono degni di amore, di cura e di rispetto. Giovanni Paolo II

mercoledì 3 dicembre 2014

Giudizio e libertà (Contributi 988)

Vi propongo un articolo di Don Paolo Sottopietra dal sito della Fraternità Sacerdotale San Carlo: 

Durante il primo anno di università sentii pronunciare per la prima volta da don Giussani una delle sue frasi più proverbiali: «Imparate a giudicare, sarà l’inizio della liberazione». Era l’eco di una parola di Gesù: La verità vi farà liberi. Per me fu veramente così. Molti degli educatori che avevo incontrato prima di allora guardavano con un certo sospetto alla parola «giudicare». Non giudicare sembrava essere un imperativo del vero cristiano, un atteggiamento inseparabile dalla virtù dell’umiltà. In effetti esiste un giudizio cattivo, espressione di malizia e di superiorità, che tende a mettere in cattiva luce l’altro o lo tratta con cinismo e distacco. Papa Francesco ha parlato molto di questo tipo di giudizio, fonte di chiacchiera e di pettegolezzo, contrario alla carità. Ad esso si riferisce Gesù, quando appunto raccomanda: Non giudicate e non sarete giudicati. La misura con cui misurate sarà la stessa che verrà usata con voi. 
Esiste però anche un giudizio buono e necessario, a cui Cristo spinge con insistenza i suoi discepoli. Quante volte nel vangelo lo sentiamo ripetere: Ma non capite? Non comprendete ancora? Oppure: Sapete giudicare dal cielo se la giornata di domani sarà buona o cattiva; ma i segni di questo tempo, come mai non li sapete giudicare? O ancora: Voi non giudicate secondo Dio, siete ancora tutti immersi nel modo in cui giudicano gli uomini. Gesù fa appello alla ragione dei suoi discepoli, una ragione liberata dall'esperienza della appartenenza a Lui. Ci sono tante cose inventate dagli uomini, dice loro, che impediscono di guardare alla realtà per quello che è. Io sono venuto a spazzarle via. Non a caso papa Benedetto parlava spesso di un illuminismo cristiano, iniziato ben prima del Rinascimento e della Rivoluzione Francese. San Paolo riprende l’insegnamento di Gesù, affermando che il cristiano giudica tutto e non può essere giudicato da nulla. La mentalità del mondo infatti non comprende l’uomo che vive in base alla fede, quest’ultimo invece vede con chiarezza anche nelle dinamiche del mondo, le sa giudicare. Che cosa significa allora giudicare? Significa distinguere ciò che è da ciò che non è, il vero dal falso, la sostanza dall’apparenza, ciò che è autentico da ciò che è simulato. Significa distinguere il bene dal male, ciò che eleva l’uomo e ciò che invece lo umilia, ciò che piace a Dio da ciò che lo offende. Giudicate tutto e trattenete ciò che vale, sintetizza san Paolo. 
Coltivare questa chiarezza è una vera opera di liberazione. Ogni cosa ha il suo nome. Il successo, per esempio, non coincide con il compimento di sé, la fama non è sempre sinonimo di grandezza, il risultato della propria azione non va confuso con il proprio valore. A volte, tuttavia, perfino distinguere l’amore dalla violenza, il desiderio dal capriccio, la libertà dalla schiavitù o dall'individualismo non è ovvio come sembra. Si tratta di esperienze di cui abbiamo bisogno per vivere come dell’aria che respiriamo, eppure noi scambiamo spesso una cosa per un’altra, e questa confusione ci fa soffrire. Dite di sì quando è sì e no quando è no, dice Gesù, il resto risponde a una logica che non è quella che vi ho insegnato io. Ecco dove sta la nostra libertà. 
Come possiamo crescere in questa capacità di distinguere e di riconoscere? C’è una condizione: dobbiamo cercare in ogni modo di accordare la nostra vita personale al giudizio sulle cose che ci viene dalla nostra appartenenza. La verità, dice san Paolo, è qualcosa che dobbiamo fare, se vogliamo che diventi nostra. Se farai così, nel tempo acquisirai una grande sicurezza nel giudizio di fede, scrive l’apostolo ad un suo giovane amico. Ma è più bello ancora il modo in cui lo dice Gesù: I vostri occhi rimarranno chiari, solo se la vostra vita sarà vissuta nella luce. 
La pressione della mentalità del mondo rende tutto questo non scontato. Affermare le cose nella loro obiettività richiede impegno. Più le situazioni che incontriamo sono complesse o inedite, più è necessario lavorare per conoscere, prima di poter giudicare. Nessun cristiano conosce a priori ogni conseguenza del suo essere di Cristo: crescere in questa coscienza è un itinerario appassionante e mai finito. Ma chi vuole percorrerlo deve essere disposto anche a soffrire. 
Subito infatti sale in noi un’obiezione. A che cosa serve continuare a giudicare, a dire cosa è vero e cosa è falso, a riportare l’attenzione sulla natura delle cose, se il mondo non ci vuole sentire, se la direzione che la società vuol prendere è sempre più decisamente contraria a ciò che il cristianesimo ci ha insegnato per secoli a stimare, se sempre più spesso siamo messi in minoranza negli organismi che decidono? 
La risposta può apparire semplice, ma viverla richiede l’impegno di tutta la nostra persona in una scelta che può essere molto costosa: giudicare è già di per sé una testimonianza, è anzi la condizione di ogni testimonianza. Non ci possiamo ritrarre dal lavoro del giudizio, perché siamo testimoni di Cristo. A volte questo lavoro rimarrà segreto. La nostra approvazione o presa di distanza saranno solo un momento del nostro dialogo con Dio. Altre volte invece saremo chiamati a esprimerci nell'ambiente in cui viviamo, davanti a tutti. 
Potrà accadere che il nostro intervento non cambi le cose nell'immediato. Non tutti i frutti della nostra testimonianza sono infatti visibili da subito. Per questo la Chiesa parla del sangue dei martiri come seme di nuovi cristiani. I martiri, testimoni per eccellenza, sono persone che non hanno rinunciato a giudicare in cuor loro, e a dire di fronte al mondo, quando è stato loro richiesto, che Dio è Dio e gli dei sono nulla. Per questo la nostra fede si può ancora alimentare guardando a loro. Non importa se dovranno passare una o più generazioni finché il seme germogli. Il cuore degli uomini prima o poi è sempre risvegliato da quell'inconfondibile accento che la verità possiede, perché è fatto per questo.
-------------

Nessun commento:

Posta un commento

Che lo Spirito Santo illumini la tua mente e che Dio ti ricolmi di ogni grazia, spirituale e materiale, e la speciale benedizione materna di Maria scenda su di te..

Lista blog cattolici

LOGO DEL BLOG

LOGO DEL BLOG
inserisci il logo del blog sul tuo blog (anche ridimensionandolo)