Benvenuti

Questo blog è uno spazio per aiutarsi a riprendere a pensare da cattolici, cosa che la società moderna sta completamente trascurando se non perseguitando.
Ogni suggerimento e/o contributo in questa direzione è ben gradito.
Affido allo Spirito Santo di Dio, a Maria Santissima, al Sacro Cuore di Gesù e a San Michele Arcangelo questo lavoro di testimonianza e apostolato.
Un caro saluto a tutti e un sentito ringraziamento a chi vorrà contribuire in qualunque modo a questa piccola opera.
Ci alzeremo in piedi ogni volta che la vita umana viene minacciata...Ci alzeremo ogni volta che la sacralità della vita viene attaccata prima della nascita. Ci alzeremo e proclameremo che nessuno ha l'autorità di distruggere la vita non nata...Ci alzeremo quando un bambino viene visto come un peso o solo come un mezzo per soddisfare un'emozione e grideremo che ogni bambino è un dono unico e irripetibile di Dio... Ci alzeremo quando l'istituzione del matrimonio viene abbandonata all'egoismo umano... e affermeremo l'indissolubilità del vincolo coniugale... Ci alzeremo quando il valore della famiglia è minacciato dalle pressioni sociali ed economiche...e riaffermeremo che la famiglia è necessaria non solo per il bene dell'individuo ma anche per quello della società... Ci alzeremo quando la libertà viene usata per dominare i deboli, per dissipare le risorse naturali e l'energia e per negare i bisogni fondamentali alle persone e reclameremo giustizia... Ci alzeremo quando i deboli, gli anziani e i morenti vengono abbandonati in solitudine e proclameremo che essi sono degni di amore, di cura e di rispetto. Giovanni Paolo II

domenica 13 luglio 2014

Uscì il seminatore... (Post 157)

Il Vangelo odierno ci pone di fronte alla parabola del seminatore che tutti conosciamo. 
Di fronte al gratuito e (a volte) incomprensibile amore di Dio nei nostri confronti si pone la libertà dell'uomo che può far sì che lo stesso seme (la stessa Parola, lo stesso Amore) che Dio dona a ciascuno ci siano risposte diverse.. di ignoranza più o meno colpevole, di iniziale ma non duratura accoglienza, di trascuratezza a causa di contingenti problemi, di accoglienza più o meno fruttuosa.... 
Ognuno di noi si può trovare in una o l'altra posizione nei vari momenti della vita ma in virtù della misericordia di Dio fino all'ultimo istante della nostra vita terrena può diventare "terreno buono".
Come nel quadro di Caravaggio "la vocazione di Matteo" dove la luce (della Grazia) illumina sia lo stupito Matteo che altre due persone (un vecchio e un giovane) le quali però continuano a contare monete. 
La Grazia  di Dio illumina ogni uomo,sta alla sua libertà accoglierla o meno. 
Preghiamo quindi di poter sempre accogliere la Grazia che continuamente e in molti modi ci viene donata, senza fare misura della risposta (per tornare alla parabola della resa del terreno buono, 30-60-100) perché ogni uomo è diverso dall'altro ed è questa diversità a fare la bellezza del mondo. Come una vetrata artistica colpita dalla stessa luce ma che con la diversità dei suoi colori forma un disegno meraviglioso e bellissimo.
Chiediamo di essere testimoni e annunciatori di tale bellezza.
------------

Nessun commento:

Posta un commento

Che lo Spirito Santo illumini la tua mente e che Dio ti ricolmi di ogni grazia, spirituale e materiale, e la speciale benedizione materna di Maria scenda su di te..

Lista blog cattolici

LOGO DEL BLOG

LOGO DEL BLOG
inserisci il logo del blog sul tuo blog (anche ridimensionandolo)