Benvenuti

Questo blog è uno spazio per aiutarsi a riprendere a pensare da cattolici, cosa che la società moderna sta completamente trascurando se non perseguitando.
Ogni suggerimento e/o contributo in questa direzione è ben gradito.
Affido allo Spirito Santo di Dio, a Maria Santissima, al Sacro Cuore di Gesù e a San Michele Arcangelo questo lavoro di testimonianza e apostolato.
Un caro saluto a tutti e un sentito ringraziamento a chi vorrà contribuire in qualunque modo a questa piccola opera.
Ci alzeremo in piedi ogni volta che la vita umana viene minacciata...Ci alzeremo ogni volta che la sacralità della vita viene attaccata prima della nascita. Ci alzeremo e proclameremo che nessuno ha l'autorità di distruggere la vita non nata...Ci alzeremo quando un bambino viene visto come un peso o solo come un mezzo per soddisfare un'emozione e grideremo che ogni bambino è un dono unico e irripetibile di Dio... Ci alzeremo quando l'istituzione del matrimonio viene abbandonata all'egoismo umano... e affermeremo l'indissolubilità del vincolo coniugale... Ci alzeremo quando il valore della famiglia è minacciato dalle pressioni sociali ed economiche...e riaffermeremo che la famiglia è necessaria non solo per il bene dell'individuo ma anche per quello della società... Ci alzeremo quando la libertà viene usata per dominare i deboli, per dissipare le risorse naturali e l'energia e per negare i bisogni fondamentali alle persone e reclameremo giustizia... Ci alzeremo quando i deboli, gli anziani e i morenti vengono abbandonati in solitudine e proclameremo che essi sono degni di amore, di cura e di rispetto. Giovanni Paolo II

sabato 26 gennaio 2013

Una proposta vivente (Contributi 787)

Vi propongo questo articolo dal sito di Tempi: 

In occasione della presentazione del libro “Contro i papà”, Antonio Polito, Ferruccio De Bortoli e Julián Carrón sono andati a fondo del problema educativo. 

“Questo libro parla di genitori pronti ad eliminare ogni ostacolo che si pone nella via al successo dei figli, mettendosi nei panni dei loro sindacalisti”. Così Letizia Bardazzi, Presidente dell’Associazione Italiana Centri Culturali, ha introdotto l’incontro, organizzato dal Centro Culturale di Milano (in collaborazione con Rizzoli), che ha avuto come protagonisti Antonio Polito, autore del libro ed editorialista de Il Corriere della Sera, Ferruccio De Bortoli, direttore de Il Corriere della Sera e Julián Carrón, Presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione. 
Contro i papà. Come noi italiani abbiamo rovinato i nostri figli nasce dopo la pubblicazione (in prima pagina) di un editoriale dello stesso Polito che, affrontando temi analoghi a quello poi approfondito nello stesso libro, ha suscitato “una grande reazione di proteste e consensi”. Un feedback inaspettato, conferma della grande attualità e urgenza di alcuni temi, in primis di quello educativo. Il grande lavoro dell’autore inizia con il voler andare a fondo di quale fosse l’origine di comportamenti e attitudini caratteristici dei papà: “La prima responsabilità che abbiamo è quella di avere separato la società dagli individui, come se fossero due campi totalmente diversi. La soluzione dei nostri problemi collettivi richiede senza dubbio uno sforzo individuale, ma bisogna capire che questi stessi problemi nascono da comportamenti individuali e dai piccoli nuclei della società”. L’origine di questi problemi italiani è quindi culturale. Cosciente della necessità di doversi sottrarre alla soluzione dei falsi miti nei quali stiamo spesso tranquillamente adagiati, Polito afferma che “se si vogliono affrontare i problemi culturali del nostro Paese è necessario rimettere l’accento su una parola ora in disuso: educazione”. In effetti ci troviamo ora di fronte ad abitudini completamente differenti da quelle del passato, come spiega il direttore de Il Corriere della Sera, raccontando la sua esperienza di figlio: “Vengo da una famiglia povera e ricordo che, pur nella nostra dignitosa condizione, ho sempre pranzato con mio padre e ho sempre cenato con entrambi i miei genitori”. In questi ultimi decenni si sono quindi verificati “da una parte un’ipertrofia dell’individuo e dall'altra un progressivo degrado delle istituzioni e dei nuclei familiari”. Un fil rouge che, tra singolo e comunità, non lascia scampo a nessuno: “Ci siamo disabituati a considerare che per giungere a un risultato sono necessari sacrificio, tempo e dedizione; non riusciamo a comprendere che tutto deve essere oggetto di conquista”. 
Dove stiamo portando i nostri figli? 
É questa la domanda che secondo Julián Carrón riassume l’intero volume di Polito, che è arrivato a identificare non solo la sfida ma anche l’origine di essa. Secondo il Presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione, questa origine ha sede negli adulti e negli educatori “che non sono stati in grado di offrire un’ipotesi di risposta al bisogno dei figli”. “I genitori hanno voluto risparmiare la fatica che implica il vivere – continua Carrón -. Invece di lanciarli verso una meta ambiziosa, corrispondente al loro bisogno e al loro cuore, si è voluto spianargli e risparmiargli la strada”. Il riferimento a quello che disse Giussani in un’intervista del lontano (ma forse non troppo) ottobre 1992 viene spontaneo; rispondendo alle incalzanti domande di Gianluigi Da Rold, il fondatore di Cl disse “Mi spaventa la situazione dell’Italia [...] dove non c’è un ideale adeguato, dove non c’è nulla che ecceda l’aspetto utilitaristico. [...] Chissà se chi ha questo desiderio capisca che, per poterlo realizzare, ha bisogno di un ideale, di una speranza”. 
E’ proprio qui che secondo Carrón sta il punto di svolta nell'approccio al problema educativo: “Si deve partire da quello che Pavese chiamava il punto infiammato dell’animo, da quel cuore che non può essere ridotto a fattori antecedenti”. Continua: “La questione è chi è in grado di risvegliare questo punto infiammato: tutte le istituzioni (la famiglia, lo Stato, la Chiesa, i partiti) sono di fronte a questa sfida. Non basta un richiamo etico: occorre un adulto che sia in grado di fare interessare l’uomo alla sua vita”. 
Occorre quindi una “proposta vivente”, usando le parole di Papa Paolo VI. 
Concludendo il proprio intervento, davanti a una platea piena di giovani (e quindi di figli) Julián Carrón spiega: “L’educazione non è un’operazione che ha lo scopo di convincere l’altro di quello in cui crediamo, ma è la libertà di una persona che si rapporta alla libertà di un’altra, perché il cuore dell’uomo é sete di verità”.
-------

Nessun commento:

Posta un commento

Che lo Spirito Santo illumini la tua mente e che Dio ti ricolmi di ogni grazia, spirituale e materiale, e la speciale benedizione materna di Maria scenda su di te..

Lista blog cattolici

LOGO DEL BLOG

LOGO DEL BLOG
inserisci il logo del blog sul tuo blog (anche ridimensionandolo)