Benvenuti

Questo blog è uno spazio per aiutarsi a riprendere a pensare da cattolici, cosa che la società moderna sta completamente trascurando se non perseguitando.
Ogni suggerimento e/o contributo in questa direzione è ben gradito.
Affido allo Spirito Santo di Dio, a Maria Santissima, al Sacro Cuore di Gesù e a San Michele Arcangelo questo lavoro di testimonianza e apostolato.
Un caro saluto a tutti e un sentito ringraziamento a chi vorrà contribuire in qualunque modo a questa piccola opera.
Ci alzeremo in piedi ogni volta che la vita umana viene minacciata...Ci alzeremo ogni volta che la sacralità della vita viene attaccata prima della nascita. Ci alzeremo e proclameremo che nessuno ha l'autorità di distruggere la vita non nata...Ci alzeremo quando un bambino viene visto come un peso o solo come un mezzo per soddisfare un'emozione e grideremo che ogni bambino è un dono unico e irripetibile di Dio... Ci alzeremo quando l'istituzione del matrimonio viene abbandonata all'egoismo umano... e affermeremo l'indissolubilità del vincolo coniugale... Ci alzeremo quando il valore della famiglia è minacciato dalle pressioni sociali ed economiche...e riaffermeremo che la famiglia è necessaria non solo per il bene dell'individuo ma anche per quello della società... Ci alzeremo quando la libertà viene usata per dominare i deboli, per dissipare le risorse naturali e l'energia e per negare i bisogni fondamentali alle persone e reclameremo giustizia... Ci alzeremo quando i deboli, gli anziani e i morenti vengono abbandonati in solitudine e proclameremo che essi sono degni di amore, di cura e di rispetto. Giovanni Paolo II

mercoledì 30 aprile 2014

La vita cristiana (Interventi 191)

Ecco una catechesi di Don Vincenzo Carone 

Se non hai ancora puntualizzato bene i principi fondamentali della vita spirituale, pensa che sei inesperto. Un giorno o l’altro prenderai delle decisioni che ti porteranno fuori strada. Il demonio sa bene come deve ingannarti. È capace di farti cadere facilmente negli errori che potrebbero risultare fatali per il tuo destino eterno. Leggi molto la vita e soprattutto le opere scritte dai Santi. Loro, mediante l’ubbidienza fedele alla parola di Dio, hanno interpretato le Scritture nel suo significato autentico. Fai bene la meditazione e trova un padre spirituale. La confessione non è il posto per “sfogare” i disagi psichici che opprimono la tua esistenza. Il confessore deve soltanto chiarire tutti gli aspetti della tua vita spirituale. Impara ad essere umile col confessore e riconosci le tue fragilità, se sei orgoglioso non accetterai mai i suoi consigli. Con una inspiegabile abilità, alcuni penitenti si studiano di portare il confessore a dire quello che essi vogliono che dica loro. La vita spirituale, come la vita umana, appartiene a te, tu devi trovare la soluzione di tutto quello che deve essere in qualche modo risolto. Il confessore se gli fai perdere tempo con argomenti che non sono attinenti alla vita spirituale, non si presenta mai in confessionale. Un sacerdote disse a una signora molto devota della Madonna: lei mi ha detto tutti i peccati di suo marito, mi ha detto i peccati sua suocera, mi ha detto i peccati della sua più cara amica, adesso per favore mi dica i suoi peccati. Se un’anima vuole essere veramente guidata, qualunque sacerdote accetta volentieri l’impegno della paternità spirituale. Devi assolutamente evitare qualsiasi forma di affetto verso il sacerdote, se è un sacerdote vero, appena se ne accorge, ti caccia via. Vai dal confessore come quando vai dal medico: attieniti ai consigli di cui hai bisogno. Non devi pretendere da lui l’affetto che non ti viene ricambiato dalla persona che ami. 
Dopo tanti discorsi che il Papa ha fatto al mondo, non è poi tanto difficile trovare sacerdoti disposti a sedere in confessionale. È difficile invece trovare penitenti che vanno esclusivamente per riconciliarsi con Dio, ed essere guidati sulla via della fede. Evita di ripetere l’esperienza di Adamo ed Eva: non ascoltarono Dio che li aveva avvertiti. È un segno di grande insensibilità rifiutare la lezione impartita dalla esperienza propria e degli altri. “in Paradiso non ci sarà matrimonio tra un uomo e una donna, disse Gesù, tutti saranno come gli Angeli del Cielo” Gesù Risorto ti ha redento da ogni forma di male e intende uguagliarti agli Angeli. Forse non ci pensi mai, eppure è vero che Colui il quale ha fatto il Cielo e la terra, ha creato te a sua immagine e somiglianza. Quando tu hai incominciato a camminare sulla strada sbagliata, Gesù Risorto ti è venuto incontro con la promessa della salvezza. 
La tua volontà di cambiare vita, gli ha dato la possibilità di restaurare tutti i guasti che tu hai fatto nel corso di tanti anni. Gesù ti vuole portare a realizzare quel progetto di perfezione che il Padre suo vuole per te. La tua collaborazione libera e generosa, gli è assolutamente necessaria. 
La tua volontà quindi deve diventare la strada per la quale devi camminare guidato dalla parola di Dio. 
Gesù Risorto ti guarisce volentieri, ma è necessario che voglia essere guarito. Gesù guarisce qualsiasi peccatore che non rifiuta la guarigione. Tu hai a portata di mano la salvezza eterna, perché dipende soltanto dalla tua volontà. Gesù Risorto si è fatto pane affinché dal Cielo possa venire dentro di te. Vai a prendere la Comunione per chiedergli perdono delle infedeltà, ingratitudini e oltraggi commessi da te e dagli altri. Non restare mai solo davanti a Lui, devi pregare sempre per te e per gli altri. Se esci fuori da questo schema, il Sacrificio della Croce che sull’altare si rende presente ed efficace per la nostra salvezza, diventa per te l’occasione affascinante per saldare l’amicizia con i partecipanti alla Messa, con canti e preghiere che suscitano forti emozioni. In quelle circostante vengono dette parole che fanno tremare il cuore dalla commozione, espressioni che incantano e creano la sensazione di aver sperimentato l’Amore e i doni dello Spirito Santo. Gesù non ha istituito il Sacramento della Eucarestia per dare a noi le sensazioni forti. La Messa va ascoltata nel silenzio del cuore, e nella meditazione della Passione, Morte e Risurrezione del Signore. Non è quello il posto della chitarra e delle danze attorno all’altare. L’Eucarestia infatti dona quella vita divina che ci consente di restaurare tutti i guasti che abbiamo provocato con i nostri peccati. È vero che Gesù è il Dio della gioia. È anche vero però che la gioia di cui la Chiesa parla, è una gioia profondamente spirituale che viene dal dono della salvezza, frutto del dolore della Morte e Risurrezione di Cristo e delle lacrime di Maria. Quel dolore e quelle lacrime si rendono presenti sull’altare. 
Durante la Messa noi tutti, mediante la fede, siamo presenti sul Calvario. La gioia nasce dalla preghiera fiduciosa, dai buoni propositi e da una profonda meditazione del Mistero della passione, Morte e Risurrezione del Signore. La musica, i canti, i balli e le emozioni forti suscitate da parole abilmente studiate per l’occasione, danno una gioia umana che viene dal sentirsi felici di stare insieme. 
La gioia che viene dall’Eucaristia nasce dalla volontà di cambiare vita, perché Gesù Risorto ci ha perdonato e vuole camminare con noi. Durante la Messa devi pensare a tutta la fatica che devi affrontare per liberarti dalle conseguenze dei peccati che hai commesso. A volte devi ricominciare daccapo, perché devi sempre fare i conti con le tue fragilità. Quando pensi che sei fragile e incapace a compiere la ricostruzione di tutto quello che è crollato nella tua vita cristiana, ti assicuro che non avrai la voglia di ballare e battere le mani davanti all’altare. 
Il Sacrificio del Figlio di Dio che si rinnova sull’altare è la sola riparazione possibile dei peccati del mondo e dei peccati di ciascuno che assiste alla Messa. Gesù ti propone una relazione di amore che per te è possibile soltanto quando la tua vita diventerà quella che Lui vuole da te. 
Don Vincenzo Carone
----------------

Nessun commento:

Posta un commento

Che lo Spirito Santo illumini la tua mente e che Dio ti ricolmi di ogni grazia, spirituale e materiale, e la speciale benedizione materna di Maria scenda su di te..

Lista blog cattolici

LOGO DEL BLOG

LOGO DEL BLOG
inserisci il logo del blog sul tuo blog (anche ridimensionandolo)