Benvenuti

Questo blog è uno spazio per aiutarsi a riprendere a pensare da cattolici, cosa che la società moderna sta completamente trascurando se non perseguitando.
Ogni suggerimento e/o contributo in questa direzione è ben gradito.
Affido allo Spirito Santo di Dio, a Maria Santissima, al Sacro Cuore di Gesù e a San Michele Arcangelo questo lavoro di testimonianza e apostolato.
Un caro saluto a tutti e un sentito ringraziamento a chi vorrà contribuire in qualunque modo a questa piccola opera.
Ci alzeremo in piedi ogni volta che la vita umana viene minacciata...Ci alzeremo ogni volta che la sacralità della vita viene attaccata prima della nascita. Ci alzeremo e proclameremo che nessuno ha l'autorità di distruggere la vita non nata...Ci alzeremo quando un bambino viene visto come un peso o solo come un mezzo per soddisfare un'emozione e grideremo che ogni bambino è un dono unico e irripetibile di Dio... Ci alzeremo quando l'istituzione del matrimonio viene abbandonata all'egoismo umano... e affermeremo l'indissolubilità del vincolo coniugale... Ci alzeremo quando il valore della famiglia è minacciato dalle pressioni sociali ed economiche...e riaffermeremo che la famiglia è necessaria non solo per il bene dell'individuo ma anche per quello della società... Ci alzeremo quando la libertà viene usata per dominare i deboli, per dissipare le risorse naturali e l'energia e per negare i bisogni fondamentali alle persone e reclameremo giustizia... Ci alzeremo quando i deboli, gli anziani e i morenti vengono abbandonati in solitudine e proclameremo che essi sono degni di amore, di cura e di rispetto. Giovanni Paolo II

giovedì 20 febbraio 2014

Giussani (Contributi 942)

Vi invito alla lettura di questo articolo di Paolo Sottopietra dal sito della Fraternità Sacerdotale S.Carlo in occasione del IX anniversario della scomparsa di Mons. Luigi Giussani

Ho conosciuto don Giussani durante il primo anno di studio all’Università Cattolica di Milano. Insegnava Introduzione alla Teologia al martedì e al mercoledì, in un’aula magna piena di studenti. Assistendo alle sue lezioni, avevo spesso la sensazione di trovarmi di fronte a uno dei grandi santi di cui avevo sentito parlare dai miei genitori. Mi capitava per esempio di pensare a don Bosco. Giussani incarnava le parole cristiane in cui ero stato cresciuto e ridava loro vita. Il suo insegnamento mi riannodava all’origine, a Cristo, lo rendeva presente. Prendevo così intuitivamente consapevolezza della realtà viva della tradizione della Chiesa: un passaparola che dall’evento iniziale dell’incontro dei discepoli con Gesù arrivava fino alla nostra generazione e interpellava le nostre giovani esistenze.
L’incontro con don Giussani è stato il fatto centrale della mia vita. L’educazione che da lui ho ricevuto ha raccolto tutto ciò che fino ad allora mi era stato donato e lo ha aperto ad un nuovo sviluppo. Ha reso possibile che i semi gettati dai miei genitori e dagli educatori che mi avevano accompagnato fino a quel momento rimanessero come fermenti attivi nella mia storia. Ha corretto ciò che era ambiguo o limitato e mi ha rilanciato verso una nuova profondità. Insomma, ha unificato la mia vita facendo sì che la fede ne diventasse il vero centro.
Quando uscì il manifesto di Comunione e Liberazione per la Pasqua del 1988, ero al mio secondo anno di filosofia. Sotto l’immagine del Cristo della Cappella Sistina era riportato un passo tratto da Il dialogo dell’Anticristo di Vladimir Solov’ev. In quella scena, l’Imperatore che ha ormai riunito il mondo sotto il suo potere chiede ai pochi cristiani rimasti che cosa li tenga legati al loro credo. «Ditemelo dunque voi stessi, o cristiani, abbandonati dalla maggioranza dei vostri fratelli e capi; che cosa avete di più caro nel cristianesimo?». Il testo prosegue con la riposta dello starez Giovanni: «Quello che noi abbiamo di più caro nel cristianesimo è Cristo stesso. Lui stesso e tutto ciò che viene da Lui, giacché noi sappiamo che in Lui dimora corporalmente tutta la pienezza della Divinità».
In quel momento mi resi conto che potevo ripetere con tutto me stesso la risposta dello starez. Le sue parole avevano per me la realtà e la concretezza di un’esperienza quotidiana. Grazie all’incontro con don Giussani, dire che ciò che avevo di più caro era Cristo significava per me dire che amavo sopra ogni cosa la compagnia dei ragazzi con cui condividevo l’esperienza del movimento di Cl, nella quale si rendeva vicina la grande realtà della Chiesa. Don Giussani ci invitava in quegli anni ad affermare proprio questa vertiginosa coincidenza tra la fragile materialità dei volti che componevano la nostra amicizia e Cristo stesso. Era quella la scoperta che mi aveva comunicato luce e certezza, spalancando la mia fede al mondo e alla storia.
Don Giussani ha toccato e orientato al bene la vita di migliaia di persone in modo simile, annunciando un Cristo vivo, mostrandoci la forza unificante dello Spirito, facendoci innamorare della bellezza della Chiesa, insegnandoci a pregare, aprendo le nostre orecchie al grido che sale dal cuore di ogni uomo, spingendoci a testimoniare la nostra fede a chiunque.
-----------------------

Nessun commento:

Posta un commento

Che lo Spirito Santo illumini la tua mente e che Dio ti ricolmi di ogni grazia, spirituale e materiale, e la speciale benedizione materna di Maria scenda su di te..

Lista blog cattolici

LOGO DEL BLOG

LOGO DEL BLOG
inserisci il logo del blog sul tuo blog (anche ridimensionandolo)