Benvenuti

Questo blog è uno spazio per aiutarsi a riprendere a pensare da cattolici, cosa che la società moderna sta completamente trascurando se non perseguitando.
Ogni suggerimento e/o contributo in questa direzione è ben gradito.
Affido allo Spirito Santo di Dio, a Maria Santissima, al Sacro Cuore di Gesù e a San Michele Arcangelo questo lavoro di testimonianza e apostolato.
Un caro saluto a tutti e un sentito ringraziamento a chi vorrà contribuire in qualunque modo a questa piccola opera.
Ci alzeremo in piedi ogni volta che la vita umana viene minacciata...Ci alzeremo ogni volta che la sacralità della vita viene attaccata prima della nascita. Ci alzeremo e proclameremo che nessuno ha l'autorità di distruggere la vita non nata...Ci alzeremo quando un bambino viene visto come un peso o solo come un mezzo per soddisfare un'emozione e grideremo che ogni bambino è un dono unico e irripetibile di Dio... Ci alzeremo quando l'istituzione del matrimonio viene abbandonata all'egoismo umano... e affermeremo l'indissolubilità del vincolo coniugale... Ci alzeremo quando il valore della famiglia è minacciato dalle pressioni sociali ed economiche...e riaffermeremo che la famiglia è necessaria non solo per il bene dell'individuo ma anche per quello della società... Ci alzeremo quando la libertà viene usata per dominare i deboli, per dissipare le risorse naturali e l'energia e per negare i bisogni fondamentali alle persone e reclameremo giustizia... Ci alzeremo quando i deboli, gli anziani e i morenti vengono abbandonati in solitudine e proclameremo che essi sono degni di amore, di cura e di rispetto. Giovanni Paolo II

martedì 16 marzo 2010

Confessione (o Dio oppure io) - (Post 80)

Come ho già avuto occasione di dire non ho forse un numero elevato di lettori, ma quelli che leggono lo fanno con intelligenza. E lo si vede dai commenti che hanno la bontà di regalarmi. Mi riferisco in questo caso a Gabriella che in coda al post sulla confessione ha detto:
Credo davvero che nella confessione vi siano le braccia misericordiose di Dio che si aprono al figlio pentito.
Il problema secondo me sorge proprio nella scaturigine del pentimento: oggi la mentalità comune vuole che l'uomo non abbia di che pentirsi perchè un uomo forte è un uomo perfetto,un uomo perfetto non commette errori,di che dovrà pentirsi?
E così la chiesa, con tutto il suo potere salvifico che passa attarverso i sacramenti, diventa sempre più un fenomeno marginale.
La mentalità comune ha capovolto la verità contenuta nella realtà:per vivere bene, non ho bisogno di Dio; per vivere bene, ho bisogno di "io".
Mi pare che si sia individuato un punto fondamentale: l'uomo moderno ha compiuto una sostituzione tragica nella sua esistenza: ha sostituito a Dio il suo "io".
Alla Sua Misericordia, il proprio egoismo ed arrivismo. Alla Sua infinita grandezza, la propria piccola nullità. Il fallimento di aver impostato la propria esistenza puntando tutto e solo su se stessi è evidente ed è sotto gli occhi di ciascuno, ma malgrado ciò l'uomo, la gran parte degli uomini continua imperterrita su questa strada. Ma cio nonostante Dio si fa sempre mendicante il cuore dell'uomo ed è sempre disponibile ad aprire la Sua infinita Misericordia ad ogni figliol prodigo che volesse tornare a Casa.
La questione è sempre la stessa, la scelta di ogni singolo istante è fra Dio e il proprio io, fra l'Infinito e la creatura. Ci aiuti la Vergine SS. in questo tempo di Quaresima a convertire il nostro sguardo e a distoglierlo da nostro pesante ego per volgerlo verso la leggerezza di DIo.
--

Nessun commento:

Posta un commento

Che lo Spirito Santo illumini la tua mente e che Dio ti ricolmi di ogni grazia, spirituale e materiale, e la speciale benedizione materna di Maria scenda su di te..

Lista blog cattolici

LOGO DEL BLOG

LOGO DEL BLOG
inserisci il logo del blog sul tuo blog (anche ridimensionandolo)