Benvenuti

Questo blog è uno spazio per aiutarsi a riprendere a pensare da cattolici, cosa che la società moderna sta completamente trascurando se non perseguitando.
Ogni suggerimento e/o contributo in questa direzione è ben gradito.
Si invita a leggere il post 1 del febbraio 2009 in cui sono ribaditi i motivi che mi hanno spinto a creare questo blog pur nella consapevolezza dei miei limiti.
Affido allo Spirito Santo di Dio, a Maria Santissima e al Sacro Cuore di Gesù questo lavoro di testimonianza e apostolato.
Un caro saluto a tutti e un sentito ringraziamento a chi vorrà contribuire in qualunque modo a questa piccola opera.
Ci alzeremo in piedi ogni volta che la vita umana viene minacciata...Ci alzeremo ogni volta che la sacralità della vita viene attaccata prima della nascita. Ci alzeremo e proclameremo che nessuno ha l'autorità di distruggere la vita non nata...Ci alzeremo quando un bambino viene visto come un peso o solo come un mezzo per soddisfare un'emozione e grideremo che ogni bambino è un dono unico e irripetibile di Dio... Ci alzeremo quando l'istituzione del matrimonio viene abbandonata all'egoismo umano... e affermeremo l'indissolubilità del vincolo coniugale... Ci alzeremo quando il valore della famiglia è minacciato dalle pressioni sociali ed economiche...e riaffermeremo che la famiglia è necessaria non solo per il bene dell'individuo ma anche per quello della società... Ci alzeremo quando la libertà viene usata per dominare i deboli, per dissipare le risorse naturali e l'energia e per negare i bisogni fondamentali alle persone e reclameremo giustizia... Ci alzeremo quando i deboli, gli anziani e i morenti vengono abbandonati in solitudine e proclameremo che essi sono degni di amore, di cura e di rispetto. Giovanni Paolo II

domenica 7 marzo 2010

Il dono di nozze da parte di Dio (Contributi 257)

Domani una mia amica si sposa, e un'altra mia amica ha rispolverato questo testo che a mia volta propongo a tutti i novelli o prossimi sposi e comunque ad ognuno dei miei venticinque lettori:

La creatura che hai al fianco è mia.

Io l'ho creata.
Io le ho voluto bene da sempre, prima di te e più di te.
Per lei non ho esitato a dare la mia vita.
Te la affido.
La prendi dalle mie mani e ne diventi responsabile.


Quando l'hai incontrata l'hai trovata amabile e bella.
Sono le mie mani che hanno plasmato la sua bellezza,
è il mio cuore che ha messo in lei tenerezza e amore,
è la mia sapienza che ha formato la sua sensibilità, la sua intelligenza
e tutte le qualità che trovi in lei.
Ma non puoi limitarti a godere del suo fascino.
Devi impegnarti a rispondere ai suoi bisogni, ai suoi desideri.


Ha bisogno di serenità e di gioia,
di affetto e di tenerezza, di piacere e di divertimento,
di accoglienza e di dialogo, di rapporti umani,
di soddisfazioni nel lavoro
e di tante altre cose.
Ma ricorda che ha bisogno soprattutto di Me.


Sono Io, e non tu il principio, il fine, il destino di tutta la sua vita.
Aiutala ad incontrarmi nella preghiera, nella Parola, nel perdono, nella speranza.
Abbi fiducia in Me. La ameremo insieme.


Io l'amo da sempre.
Tu hai cominciato ad amarla da qualche anno, da quando vi siete innamorati.
Sono io che ho messo nel tuo cuore l'amore per lei.


Era il modo più bello per dirti
"Ecco te la affido. Gioisci della sua bellezza e delle sue qualità".


Con le parole "prometto di esserti fedele, di amarti e rispettarti per tutta la vita"
è come se mi rispondessi che sei felice di accoglierla nella tua vita
e di prenderti cura di lei.


Da quel momento siamo in due ad amarla.
Anzi io ti renderò capace di amarla "da Dio", regalandoti un supplemento di amore
che trasforma il tuo amore di creatura e lo rende simile al mio.

E' il mio dono di nozze:
la grazia del sacramento del matrimonio.
Io sarò sempre con voi e farò di voi gli strumenti del mio amore
e della mia tenerezza:
continuerò ad amarvi attraverso i vostri gesti d'amore.


P.Giordano Muraro
---

2 commenti:

  1. Siamo operatori di Pastorale Famigliare grazie a questo frammento di luce che nostro figlio fece leggere il giorno del suo matrimonio e che il celebrante commentò in modo magistrale.Il nostro matrimonio riprese vigore, dal momento in cui ci mettemmo a cercare la grazia del Sacramento che senza saperlo, avevamo dimenticato in cantina senza conoscerne il valore.

    RispondiElimina
  2. Ringrazio Antonietta per il commento cha ha voluto lasciarmi. La Grazia di Dio ci può raggiungere in qualunque momento e non è mai troppo tardi per aderire a Dio. Ogni occasione può essere propizia. Un caro saluto.

    RispondiElimina

Che lo Spirito Santo illumini la tua mente e che Dio ti ricolmi di ogni grazia, spirituale e materiale, e la speciale benedizione materna di Maria scenda su di te..

Lista blog cattolici

LOGO DEL BLOG

LOGO DEL BLOG
inserisci il logo del blog sul tuo blog (anche ridimensionandolo)